Tag

, , , , ,

Sembra che ormai, la legge Oliviennes sulla spinosa questione del diritto d’autore stia per diventare realtà.

Un utente sospettato di violazione della proprietà intellettuale, dopo due avvertimenti, subirà il distacco della linea di accesso ad internet. I controlli dovrebberro essere effettuati da un’autorità specifica, (HADOPI – Haute Autorité pour la diffusion des ouvres et la protection des droits sur Internet).

Un sistema di questo tipo è senza ombra di dubbio auspicato dai titolari dei diritti d’autore e c’è già chi spera che un sistema analogo possa essere introdotto anche in Italia.

Per ora però, un sistema di questo tipo non potrà essere adottato a causa di incompatibilità con le leggi italiane.

La prima violazione riguarda la “network neutrality” [ art. 4 c. I lettere f) g) e h) del Codice delle comunicazioni elettroniche ]. Secondo tale articolo infatti, se tale legge fosse introdotta, si verrebbe a creare una “discriminazione tra particolari tecnologie” e “imposizione dell’uso di una particolare tecnologia rispetto alle altre”.

La seconda violazione riguarda l’obbligo, per i gestori, di denunciare i propri utenti. [ D.lgs. 70/2003 e degli articoli 171 bis e seguenti della legge sul diritto d’autore ] . In tale decreto si stabilisce che l’operatore non è responsabiledelle azioni degli utenti, a patto che non ne sia parte volontaria; l’operatore è tenuto soltanto a segnalare un’attività illecita alle autorità.

Il terzo problema è che si originerebbe un conflitto di poteri istituzionali poiché la competenza diventerebbe sia delle autorità sia degli operatori che da tenuti a segnalare diventerebbero obbligati.

Una soluzione proposta dall’AIIP, ( Associazione italiana internet provider ) è di rendere perseguibili solo gli illeciti evidenziati dopo una querela di parte.

I problemi sarebbero così risolti tra i detentori dei diritti e chi commette l’illecito, andando a garantire la network neutrality, ed il rispetto dei diritti dei cittadini.

Per maggiori informazioni potete leggere l’articolo di Andrea Monti su ICTLEX: http://www.ictlex.net/?p=1033